Facoltà di Teologia

Teologia

Nel pluralismo dei diversi contesti culturali odierni, la Facoltà di Teologia offre un progetto formativo caratterizzato da un forte orientamento cristocentrico, fondato sulla convinzione che l’intelligenza profonda del mistero di Cristo sia il fondamento perenne per la trasformazione dell’uomo e del mondo.

Sia sul piano didattico che su quello della ricerca la proposta formativa della Facoltà si traduce in scelte di metodo e di contenuto come le seguenti:

  • Presentazione dell’intrinseca connessione delle verità rivelate come espressione del mistero della Trinità e della sua comunicazione d’amore in Cristo;
     
  • Il mistero di Cristo nella sua totalità, Capo e Corpo, come fondamento profondo del carattere essenzialmente ecclesiale della riflessione teologica;
     
  • La comunione con la Chiesa, con la sua dottrina, la sua tradizione, la sua liturgia, ecc. è una premessa necessaria per il progresso dell’intelligenza teologica della Rivelazione;
     
  • L’intima connessione tra la divinità e l’umanità di Cristo come luce per comprendere il rapporto tra ragione e fede nella teologia e nella comprensione del mondo, con il conseguente approfondimento del significato delle realtà create e della loro autonomia, che dà luogo ad uno spirito aperto al sereno confronto con le scienze naturali, storiche e sociali;
     
  • La chiamata alla santità, radicata nel Battesimo, e aperta a ulteriori differenziazioni secondo i vari carismi e vocazioni nella Chiesa, come sfondo di una più coerente visione della dimensione teologale ed etica dell’esistenza cristiana.
     
  • Il lavoro della Facoltà si struttura in base ad un Istituto di Liturgia e a cinque Specializzazioni:  Teologia dogmatica, Teologia morale, Teologia spirituale, Teologia biblica e Storia della Chiesa.

Sezione: 

In evidenza

Nel pomeriggio di lunedì 11 marzo 2019 si è svolta la quarta edizione della Festa dell'Università in memoria del Beato Álvaro del Portillo, nella ricorrenza del suo compleanno. In un variegato Festival musicale nell'Aula Magna si sono esibiti studenti, professori e personale amministrativo, che hanno ripercorso le tradizioni musicali di paesi dei quattro continenti: Argentina, Venezuela, Messico, Cuba, Iraq, Spagna, Romania, Italia, Croazia, tra gli altri.

Significativa la rassegna fotografica di volti dall'Africa, preparata da uno studente che è stato per 30 anni missionario in Etiopia. Premiati poi lo studente più giovane e quello meno giovane.

La giuria del "Premio Henri de Lubac" ha deciso di attribuire il Premio al nostra alumno Vincenzo Arborea per la sua tesi in Teologia dogmatica La dimensione ecclesiale della fede in Henri de Lubac e Joseph Ratzinger. Un approccio teologico-fondamentalesostenuta nel maggio del 2018. La cerimonia di premiazione si svolgerà il 16 maggio presso l'Ambasciata di Francia.

Si è concluso il processo di valutazione dei corsi del primo semestre da parte degli studenti delle quattro facoltà. La partecipazione è stata buona, avendo raggiunto il 65,6% degli studenti aventi diritto, quasi i due terzi. Sono stati compilati 2.369 questionari, il 58.7% del totale.

"Vogliamo ringraziare gli studenti per la loro partecipazione - fa sapere Rafael Martínez, Vicerettore Accademico - perché si tratta di un aspetto fondamentale, quello della valutazione dei corsi, nell'ottica di un costante miglioramento della qualità della nostra università".

Pagine

SEGUI LE ATTIVITÀ DELL'UNIVERSITÀ

Newsletter - L'Appuntamento

Resta aggiornato sulle nostre attività e sugli eventi

Iscriviti