Dottorato

Il Terzo Ciclo (Dottorato), della durata minima di tre anni, porta a compimento la specializzazione filosofica. Sotto la guida di un docente, lo studente prepara la tesi dottorale che deve apportare un effettivo contributo alla ricerca filosofica; è tenuto inoltre a partecipare alle altre attività previste per i candidati al dottorato.

Tra i principali ambiti di ricerca della Facoltà ci sono: Metafisica ed etica classiche, in particolare Aristotele e Tommaso d’Aquino, Antropologia e psicologia, Cultura e Società, Etica delle organizzazioni e dell’impresa, Filosofia cognitiva e della mente, Filosofia della conoscenza scientifica, Scienza ragione e fede.

Il titolo di Dottore viene conferito dopo la pubblicazione della tesi di dottorato o, almeno, della sua parte principale. Per la stesura del testo definitivo, lo studente deve tener conto delle osservazioni fatte dalla Commissione esaminatrice e presentare due copie del testo per ottenere dalla Facoltà l'imprimi potest per la pubblicazione.

Condizioni di ammissione al Dottorato

Per essere ammessi al Dottorato, i candidati devono soddisfare questi due requisiti: a) essere in possesso del titolo di Licenza in Filosofia con il voto minimo di Magna cum laude (9,0); b) sottoporre alla Facoltà il proprio curriculum, che verrà esaminato tenendo conto in maniera particolare delle capacità di ricerca dimostrate durante la Licenza.

L’ammissione al dottorato è subordinata alle reali possibilità di condurre un lavoro scientifico nell’ambito delle linee di ricerca della Facoltà. Per questa ragione:

1. Il candidato proveniente da un’altra istituzione dovrà presentare, oltre alla richiesta scritta di ammissione e l’apposita documentazione, una proposta sommaria dell’argomento su cui intende svolgere la propria ricerca, con l’indicazione del docente sotto la cui guida intende lavorare. L’accettazione preventiva da parte del docente sarà un fattore positivo in vista dell’accettazione al programma dottorale. È quindi consigliato prendere contatto con il docente con cui si desidera lavorare.

2. La Facoltà potrà eventualmente stabilire delle condizioni da adempiere prima dell’ammissione, o determinare un percorso personale da seguire durante il primo anno di dottorato, che preveda, ad esempio, la frequentazione di alcuni corsi. A questo scopo il candidato avrà un colloquio personale con il Coordinatore degli studi o con un altro professore della Facoltà designato dal Decano prima dell’inizio del Programma.

Attività del Programma dottorale

Durante il programma dottorale, oltre alla stesura della tesi, gli studenti dovranno completare la propria formazione mediante le seguenti attività:

a) Seminario di metodologia: ogni dottorando dovrà partecipare durante il primo anno alle sessioni di metodologia che verranno organizzate.

b) Seminario di ricerca: esso prevede la partecipazione ai Seminari di Facoltà, ai Convegni annuali di studi e alle altre attività scientifiche organizzate dalla Facoltà. Inoltre, esso potrà prevedere delle sessioni specialistiche, con periodicità variabile, rivolte specificamente ai dottorandi.

c) Corsi di lingue: ogni dottorando dovrà studiare le lingue classiche e moderne che, secondo il parere del relatore, risultino indispensabili per fare ricerca nel particolare ambito scelto.

Richiesta, approvazione e sviluppo del Progetto

1. D’accordo con il relatore scelto, lo studente preparerà il Progetto di ricerca in vista della tesi di Dottorato. Esso dovrà illustrare in maniera dettagliata gli obiettivi e il contenuto della ricerca, giustificandone la validità, e dovrà fornire una bibliografia contenente i principali studi sull'argomento, e sarà preparato seguendo le caratteristiche formali indicate nel modulo per la richiesta di approvazione, disponibile in Segreteria oppure lo si può scaricare cliccando qui.

2. Il Progetto di ricerca, con il visto del relatore, dovrà essere sottoposto all'approvazione della Facoltà. In una delle date stabilite (una ogni semestre, ordinariamente nei mesi di aprile e di ottobre), lo studente presenterà in segreteria una domanda indirizzata al Decano della Facoltà, chiedendo l’approvazione del Progetto, che verrà allegato, e indicando il relatore scelto. La risposta della Facoltà avverrà entro un mese a partire dalle date segnalate.

3. La Facoltà, se il progetto presentato dal candidato si adegua alle caratteristiche richieste, ne affiderà l’esame alla Commissione per il Programma Dottorale; in caso contrario esso verrà restituito al candidato con le osservazioni opportune. La Commissione per il Programma Dottorale esaminerà e valuterà collegialmente il progetto e convocherà il candidato ad un colloquio durante il quale gli sarà chiesto di illustrare il contenuto e il programma della ricerca da svolgere. La Commissione per il Programma Dottorale valuterà sia l’argomento sia il piano di lavoro; tenuto conto del curriculum del candidato e del parere del relatore, potrà stabilire ulteriori condizioni necessarie per l’approvazione del progetto, come ad esempio la partecipazione a qualche corso o convegno.

4. Una volta che il Decano, sentito il giudizio della Commissione per il Programma Dottorale, approverà il progetto, la Segreteria Accademica comunicherà al dottorando l’avvenuta approvazione e il nome del professore nominato come correlatore della tesi. L’approvazione del progetto di ricerca è valida per cinque anni a partire dall’anno accademico di iscrizione al terzo ciclo; trascorso un quinquennio, è necessario chiederne il rinnovo ogni anno, versando la tassa corrispondente.

5. Il relatore della tesi, dopo l’approvazione di ogni singolo capitolo, lo consegnerà al correlatore, che avrà a disposizione quindici giorni lavorativi per restituire il capitolo con le sue osservazioni.

6. Una volta ultimata la stesura dell’intera tesi, e prima di procedere alla stampa definitiva e alla rilegatura, lo studente ne dovrà consegnare in segreteria una copia cartacea non rilegata o in formato digitale (pdf) affinché riceva dal correlatore il nulla osta per la discussione, secondo la prassi vigente.

7. Ottenuto il nulla osta, lo studente dovrà consegnare in segreteria cinque copie rilegate della tesi, ciascuna con la firma del relatore sulla prima pagina, e versare la relativa tassa accademica. La segreteria apporrà il timbro dell’Università sulla prima pagina di ciascuna copia e ne restituirà una allo studente.

8. La discussione della tesi di Dottorato ha luogo in una sessione pubblica davanti a una commissione di docenti, nel periodo compreso tra ottobre e giugno. La data (non prima di quindici giorni lavorativi dalla consegna della tesi) e l’ora vengono comunicate dalla Segreteria Accademica. Per la pubblicazione della tesi, si vedano le Norme generali § 3.4.

Commissione per il Programma dottorale

Prof. Antonio Malo (Direttore)
Prof. Francesco Russo
Prof. Francisco Fernández Labastida

 

Sezione: 

SEGUI LE ATTIVITÀ DELL'UNIVERSITÀ

Newsletter - L'Appuntamento

Resta aggiornato sulle nostre attività e sugli eventi

Iscriviti